Anime

Recuperi di fine estate- Made in abyss by J-pop.

Made in Abyss

J-pop

Autore: Akihito Tsukushi

Pagine: 170

Formato: 15×21

Dove acquistarlo: https://www.j-pop.it

L’estate sta finendo e presto si ritornerà alla solita routine, le giornate diventeranno un po’ più tristi. Quel che è certo è che i nerd, me incluso, approfitteranno di questo periodo per dedicarsi alle proprie attività preferite: serie tv, fumetti, manga, film, videogiochi, anime e altro. Per questo ho deciso di dare un consiglio di lettura a tutti voi. Girovagando nella mia stanza, tra le molteplici librerie e le centinaia di volumi, l’occhio mi cade su un manga molto interessante di cui mi fa molto piacere parlare: Made in Abyss.

Opera fantasy del maestro Tsukushi Akihito, tecnicamente primo lavoro dell’autore dato che, il mangaka, ha debuttato per la prima volta come character designer per il videogioco della Konami  “Elebits” distribuito per Nintendo DS. Un secondo capolavoro  è stato creato nel 2017 in contemporanea con Made in abyss, dal titolo “Star Strings Yori”, un One-Shot.

Manga edito in Italia da J-pop, casa editrice a cui mi sono avvicinato nell’ultimo anno e sicuramente  da tenere d’occhio per i bellissimi formati delle edizioni e per i volumi interessanti che si sta accaparrando nell’ultimo periodo (basti pensare a The Promised Neverland, Goblin Slayer, Killing Stalking). Inoltre possiamo trovare titoli  fuori dalla norma che non tutti pubblicherebbero, difatti si distingue dalle altre anche per l’acquisizione di svariati Yaoi e molto altro. Disponibile da marzo 2018 in un formato insolito, più grande della norma simile alla versione giapponese al prezzo di 7.90 euro con sovraccoperta. Sotto le copertine si riscontra il lato ecchi dell’autore, infatti, il manga è stato inizialmente concepito come un hentai. Al momento sette volumi in corso, l’ottavo uscirà a breve. I titoli sono tutti disponibili sullo store, il che lo rende semplice da recuperare.

Non lasciatevi ingannare dal tutto, nonostante abbia dei disegni molto dolci, quasi con uno stile fiabesco, è in realtà un seinen che potrebbe sorprendere diversi lettori. Sono presenti all’interno molte scene crude e violente, perciò non adatto a tutti.

La natura misteriosa dell’abisso cela in realtà pericoli dietro ogni angolo, cosa affascina ogni uomo portandolo alla sua esplorazione? Nessuno conosce la sua reale profondità, colmo di strane creature e misteriose reliquie di cui non si sa la loro funzionalità. Pochi hanno il coraggio di esplorarlo, i così detti “Fischietti Bianchi”. Nessuno fa mai ritorno per la sua maledizione che porta a diversi stadi di malessere, allucinazioni, perdere la propria umanità o addirittura la morte. La protagonista, Riko, è proprio figlia di una di loro. Sempre attirata da questa voragine, riceve dalle profondità un messaggio d’aiuto, un richiamo apparentemente mandato da sua madre. Un giorno, durante un’esplorazione con la squadra dell’orfanotrofio in cui vive, trova un bambino robotico che viene chiamato in seguito Reg. Con lui decide di intraprendere questo lungo viaggio senza ritorno tra pericoli e mostri, per ritrovare sua madre scomparsa da qualche tempo. Da qui inizia la sua avventura che da subito sarà ostica, incontrerà nuovi esploratori e creature scoprendo a man mano nuove cose di questo mondo e del suo funzionamento.

I disegni sono molto particolari, un tratto ben scuro e tondeggiante che non si vede spesso.  Si nota la particolarità per i dettagli in alcune tavole mentre in altre sfumature accentuate e molto soft, si vede la bellezza del lavoro in ogni singola pagina. Paesaggi meravigliosi che tolgono il fiato anche essendo monocromatici. Troviamo alcune pagine a colori e carta di ottima qualità. Un’opera che si distingue dalla massa, anche se è la prima realizzata.

Spero di aver stuzzicato la vostra curiosità, se avete coraggio acquistate il primo volume e avventuratevi in questo fantastico mondo. Per i più scettici o per chi non avesse la possibilità di acquistare il fumetto può comunque avventurarsi nell’abisso con la serie anime portata in Italia da VVVVID e dal 2 luglio disponibile anche su Netflix in lingua originale e sottotitoli in Italiano con una stagione composta da tredici episodi e una grafica realizzata veramente bene dallo studio Kinema Citrus. Imperdibili le colonne sonore realizzate da Kevin Penkin che lasciano senza fiato entrando in armonia con gli sfondi. Se siete curiosi date un’occhiata al trailer.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.