Nintendo

Wolfenstein: Youngblood – Recensione

 

Parigi, anni ’80. Il nazismo continua a imperversare e a piegare il mondo. Gli oppressori hanno abbandonato l’America, sì, ma l’Europa è ancora sotto il loro gioco. Come se ciò non bastasse, B. J. Blazkowicz è scomparso nel nulla in seguito alla sua misteriosa partenza alla volta di Parigi.

Jess e Soph, le figlie, approfitteranno dell’occasione per sfuggire alla monotonia delle loro vite in Texas, trasformandosi da adolescenti incoscienti a spietate e formidabili killer di nazisti.

Partiamo da quest’ultimo punto, il mio principale timore a monte: le protagoniste. Abbandonare il leggendario Blazkowicz per due ragazzine scapestrate sembrava un azzardo, sotto certi punti di vista. In effetti, il mio timore si rivela fondato: il passaggio e l’evoluzione caratteriale delle protagoniste zoppica vistosamente. Se all’inizio le due faticheranno a premere un semplice grilletto, già dopo pochi minuti si trasformeranno in una coppia di “terminazi” che disseminano le strade di Parigi di nazisti. Nulla di scandaloso, sia chiaro, ma la cosa ha portato inevitabilmente a farmi storcere il naso.

3564102-wolfensteinyoungblood_jls_04_mission 2, co-op with ben, audio glitch at the end.mp4_snapshot_08.57_[2019.07.25_10.13.35].png

Male anche la componente RPG: ammazzando nazisti e completando le molteplici missioni si acquisirà sufficiente esperienza per salire di livello. L’albero delle abilità si suddivide in un banale trittico: Potenza, Corpo, Mente. Investendo nelle suddette categorie sarà possibile migliorare l’affinità con le armi, la salute e la corazza delle protagoniste.

Se Youngblood arranca lato personaggi, eccelle nel lato esplorazione. Il gioco segue la naturale evoluzione iniziata con The New Colossus, con aree liberamente esplorabili disseminate di missioni secondarie che aiutano il giocatore ad immergersi nella Parigi soggiogata dai nazisti. La città, suddivisa in macroaree, potrà essere liberamente esplorata alla ricerca di armi, munizioni, documenti, poster e registrazioni.

3564108-wolfensteinyoungblood_jls_04_mission 2, co-op with ben, audio glitch at the end.mp4_snapshot_18.09_[2019.07.25_10.14.35].png

Niente di nuovo sul fronte del combattimento: Youngblood si mantiene fedele alla tradizione e sarà possibile completare le varie zone in modo furtivo o in perfetto stile Terminator. Menzione d’onore alle boss-fight, che alzano l’asticella della difficoltà e sono, come sempre, impeccabili.

Youngblood è un titolo fortemente orientato alla cooperazione: non è ovviamente indispensabile giocarlo con un amico in carne ed ossa, ma è innegabile che il gioco dia il meglio di sé se giocato in co-op. Chi non avesse questa possibilità non ha comunque di che preoccuparsi, in quanto Young Blood risulta comunque godibile anche se una sorella viene gestita dalla CPU. Nulla da segnalare sotto questo punto di vista: la ragazza difficilmente si farà beccare durante le fasi stealth né inizierà a sparare a casaccio facendo saltare la copertura.

3564100-wolfensteinyoungblood_jls_03_mission 1, co-op with ben.mp4_snapshot_20.03_[2019.07.25_10.11.13].png

In conclusione…

Wolfenstein: Youngblood rappresenta un buono spin-off in attesa della conclusione delle avventure del nostro B. J. . L’avventura delle gemelle Blazkowicz vi terrà incollati allo schermo, durante l’esplorazione di una Parigi caratterizzata da un ottimo level-design. Il mix di nuovo e classico, tuttavia, non riesce ad esprimersi al meglio a causa di un sistema di level-up abbastanza grossolano e di una coppia di protagoniste sì affiatate, ma sotto certi punti di vista acerbe, mal sviluppate. Il gameplay e l’esplorazione tuttavia vi faranno chiudere volentieri un occhio sulle suddette carenze, per cui il nostro voto è un discreto…

7.5

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.