Intervista

Ran&Amelia’s tube – Intervista

La sincerità, la genuinità, la bontà, sono doti quiete che non si fanno sentire ma che muovono il mondo nell’unico senso giusto.
(Stephen Littleword)

Presentatevi per chi non vi conosce 

Amelia: Ciao a tutti, io sono Amelia e, come Ran, ho 27 anni. Da poco sono purtroppo senza un’occupazione e ho una laurea in Scienze dei Beni culturali tematiche archivistiche e biblioteconomiche.

Ran: Ciao, sono Ran (volevate il vero nome? MUAHAHAHAH), ho 27 anni e da due anni lavoro al negozio di Harry Potter, the Platform 9 ¾, alla stazione di King’s Cross a Londra. Mi sono laureata nel 2015 in Lingua, cultura e società della Corea all’università Ca’ Foscari di Venezia.

Come nasce l’idea del canale YouTube? 

Amelia: L’idea fu mia, nel 2016 bazzicavo l’ambiente di YouTube senza vedere abbastanza shōjo e ho proposto a Ran di aprire un canale dove parlare della nostra passione. Glielo proposi quasi per gioco e lei invece fu molto accondiscendente. Senza di lei non avrei mai fatto nulla, ero troppo insicura e aprire un canale mi sembrava un’idea troppo ambiziosa per una come me.

IMG_20190419_095206

Seguite alcuni vostri colleghi youtuber?

Amelia: Se posso permettermi di fare una carrellata di nomi, direi Il canale di Kuro, L’altro fumetto, Momo’s warp channel, Aphrodite Urania, Spiccycullen, Aldo – Ashura’s corner, Fumetti senza paura, Roberto – Il cavaliere di Platino, Dadachan Arts&stories, Noemi bookslover. Sono grandissimi appassionati di fumetto e ne parlano con un amore e una competenza tale da spronarmi a conoscere sempre meglio l’ambiente fumettistico.

Ran: Guarda, sarò sincera su questa domanda: io sono pessima coi social network. Non sono mai stata troppo fanatica, non li so usare (sono davvero una capra), non ci ho mai passato troppo tempo, anzi, quasi non li usavo. Questo comprende anche youtube: nonostante conosca alcuni nomi, non ho mai seguito nessuno. Conosco e mi piacciono alcuni dei più conosciuti, come Yotobi, Sio, Violetta… L’unica che seguo da qualche anno è Yuriko Tiger, conosciuta nel campo del cosplay forse più che su youtube. E che ho sempre seguito proprio per il cosplay. Solo ultimamente, attraverso il nostro canale, ho conosciuto e cominciato a seguire altri “colleghi” youtubers, come Kuro de Il canale di Kuro, Dili de L’altro fumetto, Momo di Momo’s warp channel, Danilo di Fumetti senza paura, Roberto, Il cavaliere platino e altri ancora. Tutta brava gente che parla di cose molto interessanti e opere magari meno conosciute, oltre che di fumetti in generale.

Vi siete ispirati quindi ad uno di essi? 

Ran: La parola ad Amelia!

Amelia: Come già accennavo prima, l’ispirazione mi è venuta anche guardando i video di alcune colleghe come Valentina (spiccycullen), Aldo (Ashura’s corner) o Giada (Dadachan) che parlavano di shōjo manga, un tipo di lettura ahimè sottovalutato e bistrattato dal lettore medio italiano.

Che ne pensate di YouTube Italia? 

Amelia: Frequento poco quello che è YouTube Italia al di fuori dell’ambito “nerd”, però dal poco che ne so l’atteggiamento polemico e bellicoso è diffuso un po’ ovunque sulla piattaforma e mi dispiace che troppo spesso non si riesca ad avere comportamenti adeguati e maturi.

Ran: Come detto in precedenza, principalmente a causa di mancanza di tempo, tutt’ora non bazzico troppo YouTube. Quello che posso dire quindi è un’opinione molto generale: come tutto il mondo dei social, youtube non mi sembra fare eccezione sul piano flame/haters ed è una cosa che odio profondamente, nonché uno dei motivi per cui non bazzico troppo i social. La gente dovrebbe avere più educazione e buon senso. Tutti bravi ad essere leoni da tastiera…

Diteci almeno tre youtuber a testa che stimate.

Amelia: Oltre a quelli già citati in precedenza, direi Violetta Rocks, Memorie a 8bit e ERIKOTTERO.

Ran: Non ne ho!

IMG_20190419_095149

Tre youtuber che pensiate siano sopravvalutati?

Amelia: Sinceramente non ci ho mai pensato.

Ran: Ok, questa ce la posso fare… Senza offesa, ma personalmente tutti quei ragazzini (scusate, sono anziana) che fanno video di gaming o sparano cavolate con un linguaggio becero e poco “professionale” ma hanno un sacco di iscritti… Ecco, io non ne capisco il motivo. Non ho nomi, ma di gente così ce n’è tanta… Probabilmente la conoscete meglio voi di me!

C’è qualcosa che vorreste migliorare nei vostri video? 

Ran: Purtroppo il discorso per me è fondamentalmente uno: non ho tempo. Lavoro tanto e il tempo che ho per girare e montare video non è mai abbastanza. Ritengo che quasi tutto nei miei video possa essere migliorato: da come imposto cosa dire nel video, al montaggio, al programma “scrauso” che uso per l’editing, al fatto che ho a malapena il tempo di rispondere ai commenti su yt o su instagram. L’unica cosa di cui non posso lamentarmi è la qualità video/audio perché alla fine uso una camera reflex per girare…

Amelia: Sono negatissima con la tecnologia e montare un video per me è un’esperienza sfiancante a livello psicofisico… rimango pur sempre un’umanista! Scherzi a parte, un giorno spero di riuscire ad avere una qualità decente. Tanti auguri a me!  haha

Devo ammettere che il vostro canale è piacevolmente insolito, ovviamente in modo positivo… Siete uno dei pochi canali che io conosca che non ha una grafica ufficiale…scelta vostra o non avete riflettuto su una creazione di un logo etc etc?

Amelia: Come sopra, io a stento riesco a capire il senso di questa domanda. Quando entra in gioco la tecnologia, il mio cervello si scollega e non mi pare che abbiamo mai discusso di un logo anche se sulla pagina di Instagram e Facebook ne abbiamo uno creato dal compagno di Ran. A me non è mai neanche venuto in mente che fosse necessario! haha

Ran: In realtà, forse addirittura prima (o in contemporanea) dell’apertura del canale, insieme ad altri amici avevamo provato a gestire quella che poi è diventata la pagina Facebook officiale del canale: L’armata dei nerd: Ran e Amelia. E l’immagine profilo è una specie di logo, creato appositamente dal mio moroso per la pagina. Poi, grafica ufficiale per il canale? Chi ce l’ha il tempo? XD

Diteci almeno 4 manga che pensiate siano indispensabilmente indispensabili o che almeno tutti, una volta nella vita, dovrebbero leggere.

Amelia: Non sono convinta che ci siano letture imprescindibili e da fare “per forza”, posso solo dire quali sono alcuni tra i manga che preferisco: Fullmetal alchemist di Hiromu Arakawa, Fruits basket di Natsuki Takaya, Gourmet di Jiro Taniguchi e Masayuki Qusumi, Kuragehime la principessa delle meduse di Akiko Higashimura.

Ran: Dunque, questa domanda mi indispettisce un po’ e ti spiego subito il perché: io sono fermamente convinta che nulla sia indispensabile, se si parla di un hobby come i fumetti, tutto è soggettivo e relativo. Quindi ti posso dire quelli che potrebbero essere i miei manga preferiti e che quindi consiglierei caldamente a tutti, al massimo. Fullmetal Alchemist, di Hiromu Arakawa, sta al primo posto, sempre e comunque.  Poi la cosa si fa complicata: ci sono manga a cui io sono legatissima perché letti durante l’adolescenza, quindi per me hanno un significato speciale, diciamo. E ci sono poi quelli che, letti quand’ero più grande e quindi con un occhio più maturo, ritengo ottime opere. Detto questo, Fruits Basket di Natsuki Takaya è uno shojo adorabile che insegna secondo me un sacco di cose. Zetman di Masakazu Katsura è un’opera seinen fantastica e densa di emozioni che nessuno si dovrebbe perdere ed infine mi sento di consigliare Berserk di Kentaro Miura, non solo per la bravura dell’autore, sia dal punto di vista artistico (disegna ogni singola tavola completamente da solo e a mano… ), sia per la trama, abilmente costruita, ma anche perché Berserk rappresenta secondo me un pilastro del fumetto giapponese.

IMG_20190419_095129.jpg

Spiegateci secondo voi perché un/a ragazzo/a dovrebbe avvicinarsi al mondo della nona arte nipponica.

Amelia: Da umanista, direi che noi italiani siamo sempre stati abituati a convivere con l’arte e siamo forse il popolo che più di tutti può amarne ogni sua forma (tant’è vero che anche la produzione nostrana di fumetti è vastissima). Il manga non è altro che un’espressione figurativa che si sposa con la letteratura, come non approcciare un’arte che ne racchiude due?

Penso che ora non ci sia più troppa diffidenza nei confronti del manga e, anche grazie a Netflix che propone una vasta gamma di anime, persino mio fratello ha chiesto che gli prestassi i volumi di One-punch man per proseguire la lettura prima dell’uscita della seconda stagione!

Ran: Negli ultimi anni il successo dei manga giapponesi all’estero sta crescendo a vista d’occhio. Sono sempre stati molto sottovalutati negli anni perché ritenuti o una cosa da sfigati o da bambini. E non è così. Tra i fumetti giapponesi, così come per i libri per esempio, troviamo di tutto, ogni genere di storia e di trama. E opere veramente bellissime. In definitiva quindi, vale assolutamente la pena,avvicinarsi a questo mondo! Poi alla fin fine è tutta una questione di gusti, può piacere o no.

Appassionate, intenditrici o entrambe?

Amelia: “Io so di non sapere”, diceva il buon Socrate. Sono una fiera appassionata! haha

Ran: Che vuol dire? Eeehm, appassionata? Ahah. Considera che ho iniziato a leggere manga completamente a caso quando avevo 11 o 12 anni… Appassionata di sicuro, che sia anche intenditrice? Non lo so, questo dovrebbero dirlo gli altri a me! XD

Quale personaggio manga/anime vorreste essere e perché?

Amelia: Non ci ho mai pensato, i tre quarti dei personaggi vive situazioni assurde, ai limiti dell’estremo… farei la fine della comparsa che muore bombardata dal cattivo nella seconda vignetta del primo capitolo.

Ran: Questa è difficile, considerando tutti i cosplay che ho fatto… E invece risponderò così: mi scuso se son ripetitiva, ma come avrete notato, FMA per me ha una certa importanza e così mi ritrovo a rispondere anche a questa domanda buttandocelo in mezzo. Ed e Al, i due fratelli Elric, sono entrambi personaggi che stimo molto e a cui vorrei somigliare. Perché? A parte che sono due ragazzini mostruosamente intelligenti, forti e svegli, e poi per il loro carattere e la loro forza d’animo. Nonostante il dolore che li ha sempre accompagnati nella loro vita, l’abbandono del padre e, soprattutto, la morte della madre e la conseguente perdita dei loro corpi per provare a riportarla indietro, sono sempre andati avanti. Anche durante tutta la trama, per quante volte abbiano sbattuto contro altissimi muri apparentemente insormontabili, ogni volta riescono a non perdere la speranza e a trovare una soluzione. Cosa può rappresentare meglio di questi due fratelli tutto ciò che di buono dovrebbe esserci in un essere umano? Vorrei poter dire di essere in grado di affrontare la vita e tutte le avversità che essa ci pone davanti allo stesso modo…

Shōnen, seinen o shōjo?

Ran: Shonen, seinen, shojo e anche josei, doujinshi e quant’altro, chi più ne ha, più ne metta… Leggo davvero di tutto.

Amelia: Non prediligo un target nello specifico, forse nell’ultimo periodo leggo più seinen e jōsei perché sto invecchiando (sob). Negli ultimi anni mi sono anche appassionata allo yaoi e, grazie ad altri colleghi youtuber come Fabiana (Neytiri), allo yuri.

48412487_1576404652493206_4387205811785433088_n

Quanti manga possedete?

Amelia: Che bella domanda, adoro catalogare… attualmente 3091.

Ran: Tanti… Ma vuoi il numero preciso? Io mica li catalogo come Amelia! Quelli che ho in lista (e la mia lista è molto approssimativa purtroppo) sono circa 1750… Poi devi contare quelli che non ho ancora avuto il tempo di aggiungere HAHAHAHAH.

Parlando di manga conclusi, finale preferito?

Amelia: Il mio manga preferito è Fullmetal alchemist, come dicevo sopra, perciò il finale mi ha soddisfatta. Un altro finale che ho apprezzato molto è stato quello di Monster, di Naoki Urasawa.

Ran: FMA… Anche Fruits Basket però è davvero dolce…

Diteci due personaggi che vorreste vedere nella stessa storia.

Amelia: Non ci ho mai pensato, però forse mi piacerebbe vedere lo Hanamichi Sakuragi schiacciare Taiga Kagami. Troppo cattiva?

Ran: Probabilmente Edward Elric (FMA) e Allen Walker (D.Grey-man)… Solo perché li adoro entrambi alla follia! E poi vorrei proprio vedere come si rapporterebbero tra loro!

Io sono un lettore principalmente da letto perchè spesso e volentieri l’unico tempo che posso dedicare alle mie letture e quello prima del meritato sonno… Voi dove leggete di solito?

Amelia: Un po’ ovunque, sui mezzi pubblici, a letto, sul divano, sul terrazzo, in biblioteca, al parco, in macchina… dove capita, ecco.

Ran: Ovunque, dipende da quanto sono presa dalla storia! Spesso in metro (se sto andando al lavoro) o appunto in pausa dal lavoro, dove mi capita. Sennò letto, divano, al parco d’estate… Un po’ dove capita insomma!

Un manga che fa riflettere?

Amelia: L’uomo che cammina, di Jiro Taniguchi.

Ran: FMA… Fa riflettere tantissimo! Ma non è il solo: Berserk, Zetman, Dogs… Ti direi sempre gli stessi titoli…

Mai letto un manhwa (manga coreani)? Vi piacciono?

Amelia: Mi piacciono ma sento di non averne letti abbastanza, ne possiedo davvero pochi purtroppo.

Ran: Ne ho parecchi invero. E quasi sempre i disegni dei manhwa hanno tutto un altro sapore rispetto ai quelli giapponesi. Voglio dire, si vede quando un disegnatore è coreano… non so se mi spiego.

Guardate ogni anime di un manga che avete letto?

Amelia: Purtroppo non ho il tempo materiale per fare una cosa del genere, qualche volta mi ritaglio tuttavia del tempo per farmi un’idea della resa su schermo almeno nei primi episodi.

Ran: E chi ce l’ha il tempo? Anzi, succede spesso il contrario: leggo ma non guardo.

41496167_1500015120132160_6754484174935031808_n.jpg

Il miglior adattamento da manga ad anime?

Amelia: Non guardandone moltissimi, temo di non essere proprio la voce più autorevole. Ho apprezzato l’anime di Haikyuu!! perché rende meglio fruibili i disegni a me non proprio congeniali di Haruichi Furudate.

Ran: Forse FMA Brotherhood… Però non ho visto troppi anime dei manga che ho letto, quindi non saprei…

Il peggior adattamento da manga ad anime?

Amelia: Come già accennato sopra, non sono per nulla esperta e non posso giudicare la qualità delle animazioni piuttosto che delle scelte registiche. Ciò che mi piace meno è forse la scelta di dare un finale alternativo, fare serie inventate o conclusioni approssimative alle opere ancora in corso, come è successo con la prima serie animata di Fullmetal alchemist, la seconda stagione animata di Black butler o Pandora hearts.

Ran: Tutti quelli mozzati a random??? Tipo Pandora Hearts o Fruits Basket. O quelli che li sconvolgono completamente cambiandone la trama.

Mai letto un manga esclusivamente per conoscere la fine di un anime interrotto? Se sì, quale?

Amelia: Mi è successo nel lontanissimo 2012, avevo appena finito di vedere per la prima volta l’anime di Tutor hitman Reborn! e non appena ho pensato che mi sarebbe piaciuto sapere come proseguisse, Star comics annunciò la ristampa della serie. Come si dice, una bella botta di fortuna! haha

Ran: Più che interrotti, con tanti anime/manga nuovi ho cominciato a comprarne i fumetti perché l’anime va troppo lento. Non ce la faccio ad aspettare le stagioni successive! Esempio: Boku no hero Academia, The promised neverland.

Passiamo ad altre domande…

Fidanzate, sposate o single?

Amelia: Single.

Ran: Fidanzatissima.

Cosplay? 

Amelia: Ran una volta mi ha costretta: mai più. Non reggo il disagio delle foto.

Ran: Amo il cosplay e lo faccio da quando ho 17 anni.

Altre passioni?

Amelia: Mi piace scrivere, disegnare e cantare, in particolare quest’ultima. A otto anni ho iniziato nel coretto della chiesa, poi insieme ad altri amici abbiamo fondato un piccolo ensemble e cantiamo musica polifonica.

Ran: Troppe… Oltre a leggere manga e libri, scrivo, mi piace anche fare foto, amo viaggiare e disegnare, amo il cinema… Gli animali sono una passione?XD

Lavoriamo di fantasia: avete il potere di entrare nelle pagine del vostro manga preferito così da evitare un evento che ha colpito particolarmente i vostri sentimenti, quale sarebbe? 

Ran: Questa la so senza esitazione: non si tratta in realtà del manga, bensì della prima versione anime di FMA. Premettiamo che, per quanto inventata e neanche lontanamente bella come l’originale, sono affezionata alla prima serie anime di FMA in quanto è stata comunque la prima che ho visto e che seguivo (mentre leggevo anche il manga). Alla fine c’è questa scena orribile che a pensarci mi fa ancora stare malissimo, in cui Ed viene infilzato come uno spiedino da Envy e muore. Vi giuro, è una cosa che non riesco a sopportare, sto malissimo solo a pensarci. Quindi sì, vorrei allegramente evitare che Edward Elric venisse ammazzato. È un trauma della mia adolescenza.

Amelia: Questa domanda è cattiva, però: Fullmetal alchemist è perfetto così com’è! Haha

Domanda per Ran: dicci tre difetti e tre pregi di Amelia.

Ran: Ok, ve li dico i difetti… Però sappiate che è stato bello conoscervi. Addio. XD

Difetti: 1) è ossessivo compulsiva… ma non è che sia colpa sua! 2) A volte si prende male per niente. 3) È ansiogena e permalosa? (però lo sono anch’io…)

Pregi: bé, ma ragazzi… io l’adoro. 1) È una ragazza brillante! 2) Ha una memoria impressionante! 3) È un sacco brava con le parole (ha un fantastico uso del lessico??XD)

Domanda per Amelia: tre difetti e tre pregi di Ran?

Amelia: Meno male che abita a 900km, altrimenti mi ammazza dopo questa domanda… scherzo (spero). Penso che ogni tanto sia un po’ impulsiva, permalosa e poco incline alla socialità. È tuttavia pragmatica, sincera e molto premurosa.

La cosa più strana che è successa nella vostra vita?

Ran: Ascolta, lavoro nel customer service da anni e vivo a Londra… Ho visto di tutto. Nulla può più spaventarmi o sembrarmi strano AHAHAHAH (risata isterica?)!

Amelia: Dopo cinque anni passati nell’assistenza al cliente non saprei quale scegliere, perciò risponderò con la cosa più strana che è capitata a me e Ran. Abbiamo frequentato la stessa scuola superiore in due indirizzi diversi e per un anno intero abbiamo avuto le classi dirimpetto senza tuttavia incrociarci mai. All’università, per puro caso, una conoscenza in comune ci ha presentate.

Mare o montagna?

Amelia: Mare ma negli ultimi anni sto rivalutando parecchio la montagna.

Ran: Mare… forse.

Diteci una frase, motto, aforisma o citazione che vi rappresenta.

Amelia: “Meglio fuori che dentro”. E non parlo di rutti come si potrebbe pensare (rido male); intendo esprimere la propria opinione senza paura, non tacere e ignorare le cose scomode, continuare ad essere curiosi anziché rannicchiarsi nella convinzione di essere già arrivati al traguardo.

Ran: “Reality is for people that lack imagination” by Hayao Miyazaki.

Perché iscriversi al vostro canale?

Ran: Perché siamo belle e brave. Scherzo, oltre a questo parliamo di tante cosine interessanti. Se siete neofiti del mondo del manga o anche appassionati, il nostro canale fa per voi: oltre a stare al passo coi tempi e parlare quindi delle ultime letture uscite, snoccioliamo anche perle su cose dell’anteguerra e piccole perle nascoste che nessuno conosce. Poi Amelia è una fonte di informazioni inesauribile, sa sempre tutto! Non so come faccia… LOOOL!

Amelia: Ma perché siamo arcisimpaticissime, ovviamente! Haha

Essendo molto affezionate al mondo del fumetto giapponese, ci sforziamo di portare contenuti variegati e che non rimangono ancorati al mainstream della produzione nipponica, consigliando letture per tutti i gusti e interagendo parecchio con il nostro pubblico per avere una community stimolata al continuo ampliamento degli orizzonti di lettura. Un po’ come se fossimo delle sorelle maggiori con cui confrontarsi! haha

Grazie.

Dove trovare Ran e  Amelia? Di seguito i link:

Parliamone…

Piccola premessa…non mi soffermerò a dire quello che è il mio parere tecnico su quello che trattano, semplicemente darò lustro a quella, che secondo me, è la base su cui poi viene costruito il tutto. Quindi aprite la mente, venitemi dietro, sorridete e leggete!

Come diceva Erich Fromm: “In ogni attività spontanea l’individuo abbraccia il mondo”. Ecco per me, Ran e Amelia, rappresentano in pieno lo spirito di questa frase. Non è un caso che il loro punto di forza risieda proprio nel loro essere semplici, sincere, spontanee e schiette. Per dare forza al mio concetto vi rimando all’intervista, in quanto questi valori emergono in più risposte. Paradossalmente mi trovo quasi costretto ad un utilizzare una metafora prettamente cristiana, che è poi è il concetto rappresentativo del significato più profondo del matrimonio: “Due più due uguale uno”.

Quando incontriamo la nostra parte mancante, marito/moglie, fidanzata/o, amico/a etc etc… due anime affine si uniscono creando quella che in filosofia spiccia chiamano“Viaggiare sulla stessa lunghezza d’onda”. Ram e Amelia rappresentano tutto ciò! Riescono a coinvolgere l’ignaro spettatore che inaspettatamente viene travolto da questa veridicità. La semplicità di mostrarci come sono condividendo, con noi, quelle che erroneamente chiamiamo le “solite cose”, in maniera quasi estemporanea pur, immagino, essendosi preparate. Tutto questo avviene in maniera naturale ed è poi il motivo per cui si apprezzano, almeno nel mio caso.

In un’era cosi social, sta a noi portare in alto quello che si ritiene ad oggi essere – purtroppo – caratteristiche poco interessanti. Questo perché soprattutto viviamo in un mondo dove l’importante è sfoggiare quanto più appariscenza (in termini affini a quello del mondo YouTube oserei dire tecnici, grafici, numerici, iscritti, visualizzazioni etc etc…) possiamo. Ci sta! Lungi da me ergermi a chissà cosa. Siamo esseri umani e ogni tanto ci perdiamo, ma sta a noi poi trovare la chiave per essere un po’ meno superbi e un po’ più semplici.

Infine, ripetendomi ancora, Ran e Amelia rappresentano quella che io definisco“La potente bellezza della semplicità”. 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.