Quando l’Alleanza vince la guerra civile per il controllo totale del sistema stellare in cui si svolge la storia, il sergente Malcom Raynolds (Nathan Fillion), che aveva combattuto contro l’unificazione dei pianeti, e la sua compagna d’armi Zoe Washburne (Gina Torres) iniziano una vita come commercianti con la nave da trasporto di classe Firefly battezzata Serenity (titolo dell’episodio pilota), con l’obiettivo di integrarsi il meno possibile nella società imposta dai nuovi governanti.

Firefly è una serie televisiva western-fantascientifica, andata la prima volta in onda in USA e Canada nel 2002. La serie è stata chiusa dopo il quattordicesimo episodio.
Firefly ripropone il tema della migrazione dalla Terra per sovrappopolazione e la colonizzazione di lontani mondi. La migrazione è avvenuta su un doppio binario, con un netto divario sociale tra poveri e ricchi; questi ultimi abitano le tecnologiche megalopoli spesso immaginate in un futuro prossimo. I poveri invece sono relegati su brulle lune a malapena terraformate e, armati di poco e nulla, hanno ricostruito una società in tutto e per tutto simile al vecchio West. In entrambe le realtà sociali inoltre, esiste una profonda influenza culturale orientale: i personaggi, infatti, parlano in inglese, ma leggono e scrivono con gli ideogrammi cinesi.

La serie è stata ideata da Joss Whedon, autore precedentemente conosciuto al grande pubblico per le serie Buffy l’ammazzavampiri e Angel. Whedon è inoltre produttore esecutivo insieme a Tim Minear.

In Italia è giunta solo dopo l’uscita del film Serenity, che ne costituisce la conclusione. La trasmissione degli episodi è cominciata il 17 febbraio 2006, sul canale satellitare a pagamento Jimmy. Nel doppiaggio italiano sono stati inoltre rimossi i neologismi introdotti come imprecazioni nella versione originale, e sono sparite anche le imprecazioni in cinese che talvolta facevano da intercalare nei dialoghi in inglese.

Un tra le dieci miglior serie tv del genere nella mia Hit. Quello che ne venne dopo fu ancora più fantastico.

Annunci

Pubblicato da Paolo M.

Tutto tutto, va bene… vi racconto tutto. Quando ero in terza ho copiato all'esame di storia. Quando ero in quarta ho rubato il parrucchino di mio zio Max e me lo sono messo sul mento per fare Mosè alla recita della scuola. Quando ero in quinta ho buttato per le scale mia sorella Heidi e poi ho dato la colpa al cane… Allora mia madre mi mandò a un campeggio estivo per bambini grassi e poi una volta non ho resistito, ho mangiato due chili di panna e mi hanno cacciato” (I Goonies, 1985)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.