La storia

Ambientato in una Russia post-apocalittica devastata dalla guerra nucleare con la popolazione sopravvissuta costretta a vivere nei tunnel sotterranei della metropolitana, il personaggio principale,  Artyom, vive ancora nel sottosuolo di Mosca con sua moglie Anna.  Credendosi ormai gli ultimi uomini sulla faccia della terra si convincono che potrebbe esserci effettivamente un piccola speranza di trovare vita nel mondo esterno. Lui, Anna e i membri della squadra Spartani partiranno per un viaggio nella Zona Contaminata alla ricerca di sopravvissuti. Insomma, ci sono tutti i presupposti per una bellissima e particolare avventura.

Tanto spazio, tanta roba? Non sempre, ma…

L’esplorazione, purtroppo, nonostante questi enormi spazi siano fatti a regola d’arte in un vero open style, tendono a non essere di per sé uno dei punti di forza del gioco. Queste aree, seppur grandi, sono un pochino scarne e a volte non incentivano tanto la voglia di avventurarsi in giro. Ma attenzione, durante tutto il tempo che passerete in queste aree, le missioni secondarie popoleranno sistematicamente la vostra mappa attraverso suggerimenti ambientali o tramite dialoghi con personaggi che menzioneranno un punto di interesse particolare. Quindi è il caso di dire: mai, le sub-quest sono state cosi importanti! Infatti costituiscono un’opportunità seria di poter sperimentare più approcci e metodi di combattimento, portandovi spesso a trovare potenzialmente nuove attrezzature e risorse aggiuntive che come saprete male non fanno. Certo, Exodus principalmente viene giocato in modo simile ai suoi predecessori, canalizzando per la maggior parte i veri punti di forza della serie che l’hanno reso famoso.

3499934-metro+exodus+screenshot+2019.02.08+-+13.26.11.51.png

Gameplay

I livelli sono accuratamente studiati in modo da risultare fluidi e con un equilibrio che varia realmente tra la libertà di approccio e una giocabilità mirata. L’intelligenza artificiale dei nemici che affronteremo (fortunatamente raramente) li farà sempbrare a volte stupidi, per la serie: spalle girate, sordi nonostante fate un casino, movimenti stupidi ecc ecc… ma il brivido generale in tutto il suo complesso è decisamente all’altezza, regalando il più delle volte dei veri scontri adrenalinici. Altro punto di forza in questa nuova avventura sarà la possibilità di combattere animali mutanti come ragni irradiati dalle radiazioni, oppure anfibi vari che, nascosti nel buio, colpiscono di soppiatto. Questa sicuramente regala una nuova particolare tensione al gioco e soprattutto a chi lo gioca.

3499936-metro+exodus+screenshot+2019.02.08+-+13.51.24.29.png

Ammetto che durante tutto il gioco, raramente mi sono sentito sopraffatto dai nemici che gravitano attorno a Exodus. Vuoi la potenza di fuoco delle armi, vuoi la possibilità di potenziarle e modificarle al fine di un’approccio adatto in base al nemico che si ci piazza di fronte, sta di fatto che il combattimento, presa la mano, non è per nulla difficile. Forse la vasta e bellissima personalizzazione delle armi, paradossalmente, è la cosa che fa un po’ perdere la difficoltà stessa in gioco. Per farvi un esempio, nel concreto potrete trasformare un revolver in una arma a lungo raggio o in un Kalashnikov o ancora in un devastante fucile d’assalto… è un sistema davvero soddisfacente che conferisce alle armi un ulteriore livello di profondità. Con questo non voglio dire che sia noioso, assolutamente no. Solo che avrei preferito, a volte, un lieve svantaggio così da poter in qualche modo avere la possibilità di dire: “E che cacchio!”, magari un po’ a discapito del  modding.

3499938-metro+exodus+screenshot+2019.02.08+-+14.27.17.18.png

Non ci sono più i negozi dove comprare attrezzatura. Sì, purtroppo è cosi. Quindi vi toccherà studiare bene lo spazio a vostra disposizione ed usufruire dei “banchi di lavoro” in maniera intelligente. Come abbiamo appena detto, non troverete più il sistema di negoziazione di proiettili e oggetti vari. Al suo posto è stato implementato un sistema di crafting facilmente gestibile e adatto. Una meccanica che andrà a nozze per le varie filosofie di gioco in stile survivaliste. Potrete accumulare materiale vario come oggetti metallici, prodotti chimici, ecc… questo per creare munizioni, filtri per la maschera e tutto quello che necessitiate. Questa è davvero una bellissima chicca, piacevole, ben studiata e mai invadente che aggiunge una piacevolissima sfida – personale – della gestione dei nostri oggetti.

3499928-metro+exodus+screenshot+2019.02.08+-+12.03.12.25.png

La storia

Ma chi ha detto che gli sparatutto non devono avere una bella storia? Ho trovato personaggi di vero spessore, portati in vita grazie ai bellissimi dialoghi che svariano tra monologhi lunghi e “battute” che attenuano un po’ la tensione arricchite da un certo fascino. La possibilità di sintonizzare la radio ed ascoltare deliziosi brani, intercettare alcune trasmissioni che smorzano positivamente il ritmo del gioco o la possibilità di interloquire con i vostri compagni così da scoprirne le loro personalità accattivanti, il patriottismo di Damir per le sue origini kazake, le strimpellate di Stepan con la sua chitarra,  Miller un uomo duro che rappresenta un po’ la figura paterna, questi sono alcune delle possibilità narrative che offre Metro Exodus. 

Ma il thread narrativo tuttavia possono cambiare. Questo grazie al ritorno del sistema morale di Metro che fa ritorno! Ma sappiate che le conseguenze di quest o sistema non saranno subito evidenti e possono portare a risultati affascinanti man mano andrete avanti con la storia.

3499941-metro++exodus+screenshot+2019.02.09+-+14.24.52.46.png

Infine…

Metro Exodus offre tutto quello che necessita un videogames ben realizzato. Quel open world, ricco di cose da fare e pericoloso, con un racconto che si concentra su ciò che guida la speranza e le vicissitudini personali su quanto si è disposti a perdere per proteggere ciò che conta di più per noi. Con tante armi e la possibilità di apportare modifiche ad esse, scenari dall’aspetto superbo, fluidità e combattimenti entusiasmanti portano il gioco a dare un’ulteriore analisi rinfrescando qual senso di terrore post-apocalittico che, nonostante tutto, rimane ancora in voga soprattutto perché – in questo caso –  non è mai scontato. 

8.5

Annunci

Pubblicato da Paolo M.

Tutto tutto, va bene… vi racconto tutto. Quando ero in terza ho copiato all'esame di storia. Quando ero in quarta ho rubato il parrucchino di mio zio Max e me lo sono messo sul mento per fare Mosè alla recita della scuola. Quando ero in quinta ho buttato per le scale mia sorella Heidi e poi ho dato la colpa al cane… Allora mia madre mi mandò a un campeggio estivo per bambini grassi e poi una volta non ho resistito, ho mangiato due chili di panna e mi hanno cacciato” (I Goonies, 1985)

3 Comments

  1. Metro è una serie che seguo dal suo inizio (una bella ventata di novità dall’est europeo). Ero un po’ scettico per la virata all’open world, ma da quanto scrivi, non ha perso la caratteristica di una storia intrigante e l’atmosfera opprimente. Non resta che mettere i soldi da parte (e il tempo da dedicargli).

    Piace a 1 persona

    Rispondi

    1. Poche parole, assolutamente! 😄

      Mi piace

      Rispondi

  2. L’ho provato svariate volte tramite amici, è davvero molto bello. A fine mese lo compro. ✌🏻

    Piace a 1 persona

    Rispondi

Rispondi a Paolo M. Annulla risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.