PC

Resident Evil 2 – Recensione e Video Recensione

Finalmente!! Il momento che tutti i fan della serie aspettavano!! Finalmente possiamo rivivere l’esperienza horror che ha fatto il genere, eccitante e adrenalinico… Signore e signori, stiamo parlando di Resident Evil 2.

Capcom fortunatamente decide di rispettare quello che fu il gioco, mantenendo una linea originale ma nuova sotto l’aspetto visivo. Non siamo parlando di un semplice rinnovamento, bensì di una totale messa a punto mostrandoci che, nonostante l’eta, il gioco può offrici ancora tante emozioni. Mettendo da parte per un attimo l’ambientazione, il gameplay riceve un miglioramento notevole. Questo, mixato alla straordinaria grafica e alle texture rifatte da zero fedelmente, porta l’opera ad alzare l’asticella, sfiorando il capolavoro.

3489584-07.png

Ovviamente ci ritroveremo nei panni di Leon Kennedy o Claire Redfield. E come ben sapete, un’epidemia ha scatenato l’apocalisse zombi seguiti da altri mostri parecchio orripilanti. Tutto questo avviene a Raccoon City. Mentre le trame di entrambi i protagonisti sono molto simili e quasi invariate, troveremo alcune novità come diversi personaggi e sfide uniche. Lo scopo alla fine rimane quello: sopravvivere, abbattere creature da incubo e risolvere enigmi a volte frustranti. La sensazione, giocando a Resident Evil 2, è sempre quella: corridoi stretti e bui, strade infestati di zombi, sotterranei da paura. Il gameplay, un must del genere, è basato su un’approccio orientato verso un mix di riflessi e istinto che porta la meccanica ad essere più innovativa e adeguata ai tempi nostri.

Ma io ho giocato già a Resident Evil 2, so già cosa accadrà dietro l’angolo… No, mio caro.

In questo remake si è guardato bene nel rinfrescare la nostra mente facendoci rivivere alcuni luoghi e determinati incontri, ma attenzione! Sebbene il gioco in sé sia il medesimo, saranno comunque presenti i famosi momenti in cui saltiamo in area dallo spavento. Sì, avete capito bene. Le scene da brivido non saranno più rivissute allo stesso modo e negli stessi posti. Diciamo che, qualora nel gioco originale, in una stanza, in un determinato punto, avete vissuto qualcosa di particolarmente pauroso, qui nel remake, non sarà così. Ovviamente, come detto sopra, le novità non mancheranno. Troveremo un ambiente nuovo di zecca, gli eventi e un mostro tutto nuovo da affrontare.

3489579-01

La narrativa, rispetto al suo predecessore, è molto più coinvolgente. Troverete una scrittura seria con una forte interpretazione. Questo ci permette di vivere la sensazione di panico e pericolo in prima persona. Fortunatamente, questa volta, un certo spessore viene dato anche ai personaggi secondari con momenti commoventi e drammatici.

La campagna dei due personaggi – Claire e Leon – saranno diverse, ed ovviamente dopo aver finito la prima vi verrà chiesto di iniziare la seconda. Questo come potrete ben capire, aiuta ad avere una visione completa della storia. Se pensate che le scelte di una storia possano in qualche modo influire sull’altra, vi sbagliate. Saranno ben distinte e separate. La longevità del gioco si aggira attorno alle 12-15 ore complessive, questo grazie ai nuovi eventi. La marcia in più, per quanto mi riguarda, convive nella rinnovata atmosfera che regala momenti si famigliari ma nello stesso momento nuovi. L’esplorazione sarà anche la cosa che ci trasmetterà più paura, in quanto gli angoli di ripresa e il nuovo approccio al gameplay danno quel senso di realismo papabile come se ci trovassimo realmente lì. Insomma, in quelle ore di gioco non si ci sente al sicuro quasi mai.

3489586-09.png

Immancabile sarà la scarsa quantità di munizioni e di armi che intimidisce notevolmente all’approccio immediato. Ma il senso di avere parsimonia con i proiettili è proprio questo. A parte abbattere gli zombi, potremo barricare alcune finestre o porte così da bloccare ingressi indesiderati per nulla rari, quindi occhio alle spalle. Ma attenzione, queste opzioni sono solo soluzioni temporanee, quindi giocate d’astuzia. Infatti l’approccio più funzionale su Resident Evil 2 Remake sarà quello tattico. Per la gioia dei fan incalliti, troverete anche dei lati positivi. Infatti, oltre ad alcuni riferimenti occasionali che smorzano la tensione, troverete una suite ricca di contenuti sbloccabili, inclusi anche i costumi classici. Dopo aver finito le due modalità, sbloccherete la modalità extra bonus con Hunk e Tofu.

Infine, chiamare Remake, Resident Evil 2, non è appropriato. Minimizza totalmente lo stupefacente lavoro svolto. Se siete amanti di quelle situazioni grottesche e ansiogene Questo è il gioco che fa per voi. Se siete fan della serie idem. Non rimarrete per nulla insoddisfatti. Un gioco impressionante per qualità ed esperienza videoludica ci viene offerto in maniera rielaborata ma con uno sguardo al passato solido. Questo è Resident Evil 2.

voto 9

Volete sapere cosa ne pensano i nostri Youtubers preferiti, i Gamers Lucky? Date un’occhiata alla loro recensione!

Annunci

3 risposte »

  1. Sarà un vero piacere ritornare, anche perché non ricordo assolutamente nulla della run dell’originale. Non digerisco l’andazzo di Capcom, che investe tempo e risorse per dare una spolverata e lucidata a vecchie idee, piuttosto che inventarsene di nuove come in RE7. Se lo fa in questo modo, comunque la “perdono” 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi a Paolo M. Annulla risposta

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.