PC

Divinity: Original Sin II – Recensione

banner post amazon

Divinity II: Original Sin riesce emotivamente a coinvolgervi toccando alcune corde delle nostre emozioni che ci fanno capire che questo gioco è un RPG di quelli seri. Larian Studios ha creato una delle migliori epopee di tutti i tempi, sia nella sua forma originale, quindi su PC sia nella sua edizione definitiva rilasciata anche per PS4 e Xbox One.

Una narrazione evocativa, le possibilità di scelte che possono cambiare il vostro destino, sceneggiatura incredibile, questo e altro ancora troverete all’interno di Divinity II: Original Sin. Il sistema di combattimento è un must a turni. Dettagliato, fluido e ricco di possibilità tattiche, rendendo anche il banale scontro piacevole.

Le opzioni singole di ogni personaggio sono praticamente infinite e ci permetteranno di rendere la crescita di esso in maniera unica. Non vi nego che a prima vista, il combattimento non è molto diverso da altri giochi di ruolo. Ma Divinity: Original Sin II si differenzia principalmente perché durante lo scontro prende in considerazione il terreno e gli elementi ambientali che ci circondano.banner post amazon

In Divinity II ci ritroveremo a viaggiare in una terra magica, ovvero Rivellon l’omonima ambientazione dello storico gioco di ruolo D&D. Capirete sin da subito che questa non è una classica e blanda avventura di un gioco rpg trito e ritrito. No signori miei! Questa è un’avventura epica.

La longevità del gioco è uno degli aspetti più interessanti. Infatti il gioco in se per se sta sulle 60, 70 ore (presa con comodo) per completare solo la missione principale e qualche sub-quest. Una durata godibile senza portaci nell’annoiarsi sfirando le 100 ore. La storia non è solo bella, è soprattutto dettagliata, questo è dovuto in gran parte grazie al modo in cui sono riusciti ad evita le cose già viste nell’universo fantasy e degli rpg in generale.

Il design e lo sviluppo accrescitivo dei personaggi aumenta davvero la sensazione di libertà e realtà nel gioco. La profondità dei personaggi è enorme e ogni eroe del vostro party sarà dotato di una infinità di attributi più le abilità civili (persuasione, intimidire ecc ecc), abilità di combattimento, talenti particolari e altro ancora.

Cinque sono le razze che potrete scegliere all’inizio della vostra avventura. Ma se non siete amanti della personalizzazione e creazione del personaggio, Divinity II vi da là possibilità di usare uno dei sei personaggi predefiniti che rappresentano ciascuna razza. Ma sarebbe davvero un errore non gustarsi la personalizzazione messa a disposizione.banner post amazon

La difficoltà nel gioco è presente e persistente. Di conseguenza tutte le battaglie saranno veramente difficili. Avvolte necessiterete di perde uno scontro per valutare un’eventuale tattica vincente.

Oltre alla campagna per single player, potrete giocare in co-op. Ma la chicca più nerd è la modalità Game Master nonché una simulazione di gioco con carta e penna che potenzialmente potrebbe allungare (e di tanto) il gioco. Divinity II: Original Sin è un gioco meravigliosamente realizzato e questo lo rende uno dei migliori giochi di ruolo vecchia scuola degli ultimi anni.

voto 10

Annunci

Categorie:PC, PlayStation, Recensione, Xbox

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.